Il Tempo

Pubblicato il da Widenous

Da un punto di vista prettamente teorico, il tempo per l'uomo potrebbe divenire un concetto ancora più annebbiato di quanto non lo sia ai nostri giorni.

L'uomo ha da sempre, con l'orologio, il metrono e quant'altro, di controllare in qualche modo il tempo. O almeno cercava di avere questa impressione. Il tempo non si può controllare.

E' una dimensione troppo astratta, tanto da riuscire solo a stento sentire la sua presenza.

Quando punti la sveglia alle 07:00 non è che tu controlli il tuo tempo, semplicemente segui il suo corso cercabndo di accomodare al meglio il tuo giorno.

Ma giorno, ora, minuto e secondo sono delle misure inventate dall'uomo per cercacre di dare un ordine alla sua vita.

Se invece vivessimo in una società senza misure di tempo, cosa accadrebbe? Caos, ma ognuno avrebbe sempre e comunque tempo.

Perchè poi insieme al tempo svanirebbero anche gli orari secondo cui la collettività mangia o dorme o si sveglia etc.etc. Se vivessimo tutti senza giorni, il tempo che impieghiamo a vivere diverrebbe una massa unica, con un inizio preciso e una fine precisa.

Converrebbe? Non converrebbe? Una questione soggettiva, ma sicuramente sarebbe interessante.

Il nostro corpo così come il nostro cervello si sono abituati a orari prestabiliti, e sappiamo tutti che per la mente l'abitudine è la peggior cosa che si possa sviluppare. Dunque in una "vita senza tempo" il nostro cervello cosa penserebbe? come sarebbe? e noi, come reagiremmo totalmente liberi da degli obblighi che consciamente non intendiamo come tali?

Paradossalmente, un uomo non dovrebbe preoccuparsi di essere in ritardo o in anticipo, e questo avrebbe una ripercussione sul pensiero del "momento giusto al posto giusto", creando un nuovo tipo di pensiero.

Con tag Filosofia

Commenta il post