Try. Fail. Tray Again. Fail Again. Fail Better.

Pubblicato il da Widenous

Prova. Fallisci. Prova ancora. Fallisci ancora. Fallisci meglio.

 

E' una frase di Samuel Backett, noto scrittore e drammaturgo e poeta irlandese, che riassume esattamente il concetto di "Fallimento utile".

 

Mi spiego meglio: un fallimento può essere utile o inutile.

 

Inutile quando non porta altro che quello che è, cioè una realtà diversa da quella che si voleva ottenere.

 

Utile quando non importa il fallimento in sè, ma le riflessioni, le morali e gli insegnamenti che esso ha portato e che porteranno a raggiungere l'obbiettivo in futuro.

 

http://www.impresalavoro.eu/wp-content/bancarotta-piccolo-imprenditore.jpg

 

L'uomo moderno ha il concetto di fallimento come la conseguenza della perdita di un'unica chance per cambiare in meglio la sua vita. E presa in questo modo porta a non provare mai più a raggiungere un obbiettivo e piano piano la nostra autostima va sgretolandosi su una razionalità accomodata per non fallire più.

 

Peggio ancora: si sviluppa la paura del fallimento.

 

E' naturalmente peggio del fallimento stesso, che se visto con la corretta visuale è più una vittoria che un fallimento.

 

Il fallimento non è altro che un errore che ha preso forma. Un errore che, analizzato, ci rivela molte cose di noi e il perchè del presente. Usato in modo giusto un fallimento può cambiare il futuro.

 

Il fallimento è utile per provare ancora, fallendo meglio e poi raggiungendo l'obbiettivo.

 

Commenta il post